Progetto di formazione in Palestina

Progetto di formazione in Palestina

D’ora in avanti si tratta di fornire energie e conoscenza per raggiungere il vero scopo del progetto per la gestione delle acque reflue in Palestina, da parte dei partner dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) che sta finanziando interamente le attività. Lo scopo è dare competenze in materia di acque reflue e depurazione dal punto di vista tecnico, e al contempo fornire strumenti normativi e tariffari adeguati per spingere verso accorpamenti di gestori del servizio idrico palestinese.
La conferenza si è tenuta a Ramallah, presso Union of Palestinian Water Services Providers. Ha introdotto la giornata il Ceo di PWEG, Monther Hinde a seguire c’è stato il saluto istituzionale di Veronica Bertozzidi AICS Jerusalem.
Hanno preso la parola per primi Fraser ParsonWalid Halayqa, esperti istituzionali di PWEG che hanno illustrato una buona pratica sviluppata nel nord della Cisgiordania e finanziata dalla cooperazione francese e dall’UE, che vede presente sul territorio di Jenin e di altri villaggi della zona anche l’agenzia italiana Timesis.

Alessandro Mazzei, direttore dell’Autorità Idrica Toscana ha spiegato in una dettagliata relazione, come l’esperienza italiana può aiutare il processo di razionalizzazione delle aziende palestinesi, a partire dalla governance del settore idrico palestinese che dovrebbe procedere ad aggregazioni che vadano oltre la gestione municipale. Mazzei ha anche formulato una proposta per organizzare le future missioni di formazione insieme a ciascuna azienda e municipalità sui loro territori. Si tratterà di fare una serie di seminari per capire le necessità e al tempo stesso fornire le competenze pronte a definire una road mapper la razionalizzazione del sistema idrico palestinese.

A seguire è intervenuto il direttore di ANCI Toscana, Simone Gheri, che ha parlato della governance del servizio idrico toscano, spiegando come i Comuni abbiano aiutato a strutturare le aziende pubbliche e come abbiano individuato nell’Autorità Idrica la rappresentanza istituzionale e tecnica che aiuta le aziende di gestione provinciali o sovra-provinciali ad avere un costante controllo dei loro processi di servizio ai cittadini per renderlo sempre più efficiente.
L’incontro è proseguito con una lunga discussione tra i dirigenti palestinesi e quelli italiani per entrare sempre più in dettaglio sulla forma e sulle attività delle aziende del servizio idrico palestinese.

Ramallah, 12 novembre 2019
[a cura di AA]

Imposta come News da mettere nello slideshow nella Home