Progetto Waste Water Palestine

Progetto Waste Water Palestine

Dopo vari progetti di formazione del personale tecnico delle aziende del servizio idrico palestinese, progettati e sviluppati dall'Autorità Idrica Toscana (in collaborazione con la Regione Toscana e Confservizi Cispel), quest'anno è il COmune di Prato a farsi capofila di un progetto di cooperazione internazionale che vuole promuovere il trasferimento di competenze e buone pratiche nel settore delle acque reflue in Paestina. Questo è l'obiettivo di Waste Water Palestine (WWPAL) che con la prima missione in partenza a settembre permetterà a personale di Autorità Idrica Toscana, Publiacqua, Gida e Pin (con la supervisione dell'amministrazione comunale di Prato) di recarsi nei territori palestinesi per fornire le proprie competenze sulla gestione delle infrastrutture per il trattamento delle acque reflue.

Hanno presentato il progetto, nel Palazzo Comunale di Prato, il sindaco Matteo Biffoni insieme all'assessore alla Cooperazione Monia Faltoni, il vice presidente di Water Right Foundation Oliviero Giorgi, Alessandro Brogi presidente di Gida, il direttore di Autorità Idrica Toscana Alessandro Mazzei, Enrico Banchelli del Pin, Stefano Fusi di ANCI Toscana e il presidente di Confservizi Cispel Toscana Alfredo De Girolamo.

Per questo progetto il Comune di Prato è l'unico comune toscano nel 2018 ad aver ottenuto i finanziamenti dell'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), l'ente nazionale preposto a promuovere iniziative di cooperazione internazionale con il quale il 7 marzo è stata ufficialmente sottoscritta la Convenzione per dare il via all'iniziativa Waste Water Palestine. Il legame della Toscana con la Palestina è storicamente noto, come ha fatto notare il direttore di Autorità Idrica Toscana Alessandro Mazzei. È infatti già dal 2013 che la Toscana supporta la Palestina sui temi idrici.

Nella realizzazione del progetto WWPAL, il Comune è capofila di un ampio partenariato composto da soggetti pubblici del territorio pratese, della Regione Toscana e dello Stato Palestinese: Provincia di Prato, ANCI Toscana, Water Right Foundation, Autorità Idrica Toscana, Confservizi CISPEL Toscana, GIDA S.p.A. (Gestione Impianti di Depurazione delle Acque), Pin Scrl - Polo Universitario "Città di Prato, Associazione dei Fornitori del Servizio Idrico Palestinese, Comune di Nablus, Servizio per la fornitura di acqua alle municipalità costiere, Associazione degli Ingegneri delle Acque Reflue Palestinesi, Consiglio Congiunto per la Gestione dei Servizi relativi all'Acqua e alle Acque Reflue di Jenin.

«Tra i tanti problemi che affliggono la Palestina, l'inefficienza del sistema idrico costituisce una parte abbastanza rilevante» ha commentato il sindaco matteo Biffoni. «Il nostro obiettivo è esportare le competenze delle eccellenze del territorio sperando di poter così contribuire ad appianare almeno una minima parte delle tensioni del territorio palestinese».

Il piano di lavoro, di durata biennale, prevede in un primo momento l'analisi effettiva della situazione e l'assistenza alla redazione del piano delle acque reflue in Palestina, la formazione allo staff delle aziende membri dell'Associazione dei Fornitori del Servizio Idrico Palestinese, l'invio in loco di tecnici altamente specializzati e l'approfondimento in aree pilota, al momento individuate nelle città di Nablus e Jenin, situate nella parte nord della Cisgiordania.

Il budget complessivo è di 910.000 euro. Il finanziamento da parte dell'AICS è pari a 728.000 euro, circa l'80%. 182.000 euro sono invece a carico dell'Amministrazione comunale e dei soggetti partner.

[a cura di AA e ufficio stampa Comune di Prato]

Imposta come News da mettere nello slideshow nella Home