Il rischio idraulico di Firenze

Il rischio idraulico di Firenze

Il progetto "Firenze 2016" dedicato alla commemorazione dell'alluvione del 1966 che colpì Firenze e la Toscana, chiude i battenti con un convegno di grande interesse storico, ma anche attuale. Infatti nella tavola rotonda sul rischio idraulico fiorentino si è cercato di capire cosa è stato fatto e cosa si dovrà ancora fare per la sicurezzaassoluta di Firenze. Hanno preso parte, coordinati da Francesco Carrassi, direttore della Nazione, Mauro Grassi per Italia Sicura del Governo Italiano, Gennarino Costabile della Regione Toscana, Alessia Bettini del Comune di Firenze, Massimo Lucchesi dell'Autorità di Distretto Appennino Settentrionale, Alessandro Mazzei dell'Autorità Idrica Toscana, Marco Bottino dell'Associazione Nazionale Consorzi di Bonifica – Toscana, Luca Solari dell'Università degli Studi di Firenze.

Il direttore generale di AIT, Alessandro Mazzei, ha fatto il punto del sistema fognario cittadino, mettendo in luce che a fronte di molte opere e investimenti fatti in passato e di quelli attualmente in corso, continuano ad essere presenti alcune criticità che dovranno essere affrontate in futuro. Il tema dominante è il fatto che siamo ancora oggi in presenza della commistione tra la fognatura mista e il reticolo idrico superficiale, per cui se l'Arno si ingrossasse andrebbe a respingere i suoi diretti affluenti, come l'Affrico e il Mugnone, che a loro volta andrebbero a intasare il reticolo fognario con grave miscela di acque chiare e acque scure, e la presenza di acque parassite legate al reticolo idraulico minore spesso in commistione con il reticolo fognario. L'altro problema posto da Mazzei (in questo convegno di studio sul tema del fiume e delle possibili nuove alluvioni) riguarda il sistema fognario depurativo fiorentino che in tempo secco, a causa dei pre-trattamenti a pié d'utenza, risulta povero di sostanza organica necessaria per una buona depurazione. Infine anche i cambiamenti climatici producono su un sistema fognario che non è stato progettato per piogge così intense problemi di smaltimento.

[a cura di AA]

Imposta come News da mettere nello slideshow nella Home